13 mar 2013

La regina delle lanterne




Vi ho già parlato della mia passione per le lanterne, al vertice della mia personale toplist degli oggetti country!
Le lanterne, di qualsivoglia forma, dimensione, materiale e colore, rimandano sempre ad una dimensione fiabesca, poetica, romantica: evocano nel nostro immaginario un passato lontano e magico, in cui l'assenza della luce elettrica, che spingeva le persone a muoversi al flebile chiarore di lanterne e candele, sembra un fatto straordinario.

Apro una piccola parentesi, anche se spezzerà brutalmente la suggestione che ho creato finora.

Vivere senza la luce elettrica? Un vero incubo!!!!

Tempo fa, mi è capitato di restare nel black out a causa di una violenta nevicata. I primi dieci minuti, quando ho acceso tutte le candele (come potete immaginare, di materiale del genere ne ho "da vendere" ma, nonostante l'emergenza in corso, ho tentato di risparmiare le più belle) e si era creata subito un'atmosfera speciale, ero davvero rapita dall'entusiasmo, arrivando a pensare come erano fortunati i nostri bisnonni a potersela godere ogni sera. 
Questo i primi dieci minuti. Subito dopo la mia pazienza aveva già superato ogni limite, soprattutto quando ho dovuto inventarmi un sistema ingegnoso per lavare i piatti praticamente al buio!

Chiusa la parentesi, che si apre automaticamente ogni volta che parlo di lanterne e mi lascio trasportare da questa passione!
Tranquille, il disagio del black out non mi ha creato alcun trauma rispetto al potenziale acquisto di questi oggetti meravigliosi, che amo disseminare ovunque, singolarmente o raccolti in gruppetti.

In questo post inizio col presentarvi la regina di tutte le mie lanterne, titolo che si è guadagnato resistendo a gelo, neve, pioggia, vento e qualunque intemperia, restando sempre fuori e continuando, nonostante tutto, a fare sempre, impeccabilmente, la sua bella figura!

A biêntot!

8 commenti:

  1. Le lanterne hanno un posto speciale nel mio cuore! Questa è bellissima!! Complimenti amica mia. .il tuo gusto mi riporta proprio 'a casa' :) Un abbraccio e dolce notte!

    RispondiElimina
  2. Ciao Annette! Anche io adoooro lanterne e candele, proprio per l'atmosfera che creano... ma hai ragione senza lavastoviglie o peggio senza lavatrice, non si può stare!! ;D

    RispondiElimina
  3. Mi piace la tua descrizione romanticissima sulle lanterne, anche io le adoro...La regina è bellissima con tutta quella ruggine del tempo.
    Ciao! Elena

    RispondiElimina
  4. Carissima amica,trovo la tua lanterna meravigliosa,penso già di averti detto quanto io le adori,anni fà le tenevo anche a terra nei vari ambienti di casa,hanno un fascino così particolare,non posso fare a meno di comprarle è più forte di me,anche se qui così belle non ci sono,si vedono più o meno sempre le stesse!!
    Condivido il tuo pensiero,anche se rendono l'ambiente così particolare quando sono accese al pensiero di non avere le comodità dell'elettricità mi spaventa!!
    Aspetto di vedere il resto della tua collezione!!
    Un caloroso abbraccio tesoro a presto!!
    Sabry!!

    RispondiElimina
  5. Annette è davvero stupenda. Pure io ho questo debole, anche se vivo in un semplice appartamento. E a essere sincera non riesco bene a collocarle.....lo spazio è quello che è ma se ne vedo una, magari a buon prezzo.....non riesco proprio a fermarmi. Senza elettricità? Ma per carità! Con tutti i panni da lavare che ci sono sempre, per non parlare dello stiro e delle stoviglie da lavare!!! Un bacione Paola

    RispondiElimina
  6. La tua lanterna è meravigliosa! La luce e la calda atmosfera delle candele sono uniche e solo loro sanno dare alle nostre case la sensazione di vero focolare domestico.
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  7. io che adoro certi oggetti, un po' te la invidio questa splendida lanterna che fa la sua bella figura anche sul esterno, sulla parete di pietra!
    ciao e buona domenica Valeria

    RispondiElimina

  8. ok!!!Annette.

    kisses

    tresygio

    RispondiElimina